Territorio. Rifiuti speciali e materiali edili sversati in Piazzetta Pignatelli

NAPOLI – Giovedì 31 maggio, alle spalle dell’Ospedale Pellegrini, in Piazzetta Fabrizio Pignatelli, una montagna di rifiuti occupa il suolo. L’abbandono improprio di rifiuti misti e speciali, visibile dalle immagini inserite nella galleria fotografica, risulta ancor più dannoso per la difficoltà di raccogliere e smaltire questi materiali.

La raccolta dei rifiuti, da sempre difficoltosa nel capoluogo partenopeo, nelle ultime settimane sta subendo pesanti rallentamenti. L’ASIA, azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti urbani nella città di Napoli, mette a disposizione dell’utenza un servizio per il ritiro dei materiali ingombranti. Si può infatti contattare telefonicamente o mediante il sito internet l’azienda, per chiede di ritirare a domicilio questi rifiuti, riconoscibili mediante l’apposizione di un codice sugli stessi. Sebbene questo servizio sia sempre stato puntuale, negli ultimi tempi risulta sensibilmente rallentato: non è raro imbattersi in suppellettili, armadi sfasciati e materazzi lasciati agli angoli delle strade per giorni. A questo disagio si aggiunge l’inciviltà di molti residenti, che addirittura non contattano l’ASIA e abbandonano ogni sorta di materiale in luoghi impropri.

Questa è la situazione verificatasi in Piazzetta Fabrizio Pignatelli, alle spalle del noto presidio ospedaliero Pellegrini e della zona di Montesanto, nel quartiere Montecalvario: la spazzatura ha inghiottito l’intero spazio antistante la chiesa di Santa Maria Materdomini, uno degli edifici religiosi monumentali di Napoli, risalente al ‘600. In questa montagna è possibile riconoscere la natura dei materiali, sicuramente non riciclabili e che necessitano dunque di un adeguato smaltimento. Sono stati depositati infatti numerosi scarti di lavorazione edile, sanitari in disuso, piastrelle rotte e numerosi cartoni vuoti. Tutto fa pensare ai resti di una ristrutturazione, quel che è certo è che si tratta di un abuso consistente, che lede i residenti e i negozianti.
La zona di Piazzetta Fabrizio Pignatelli inoltre risulta particolarmente centrale nel transito di mezzi diretti all’Ospedale Pellegrini, quindi l’ostruzione può provocare ulteriori disagi in merito alla sicurezza, alla viabilità e al raggiungimento del pronto soccorso.

Noemi Orabona

Laureata in lettere moderne, classe '91. Cresciuta tra i vicoli dei quartieri spagnoli, ama viaggiare, leggere e seguire le sue serie tv preferite. In cerca di storie e personaggi da raccontare, sogna di pubblicare il suo primo romanzo.

Leave a comment