Rifiuti. Un ‘muro’ di spazzatura in centro

NAPOLI – Alla data di venerdì 25 maggio, in Via Sedile di Porto, un tratto del marciapiede è intransitabile a causa dei rifiuti abbandonati in prossimità delle campane stradali.

Via Sedile di Porto è una parallela di Corso Umberto, una strada centralissima, accessibile da molti punti della città come Via Mezzocannone e Piazza Giovanni Bovio. La consuetudine di alcuni incivili ha contribuito al sorgere di un muro di spazzatura localizzato all’angolo con Via degli Acquari, costringendo le persone a percorrere necessariamente la carreggiata per riprendere il percorso pedonale. Il cumulo si trova alle spalle della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, lungo una via in cui operano poche attività alberghiere e di ristorazione, ma frequentata anche da turisti alla scoperta delle pittoresche vie del centro antico o in cerca di luoghi di ristoro.

In questo angolo di strada il deposito selvaggio di rifiuti è un problema ricorrente. Una residente ci ha confidato che la situazione è stata sempre abbastanza precaria, ma ultimamente è peggiorata. Il cartello che vieta lo scarico di rifiuti ingombranti (Vedi foto in galleria) non ha avuto l’effetto deterrente auspicato, nonostante questa parte di strada rientri nell’area sorvegliata da due videocamere della Camera di commercio.

Le persone con cui abbiamo parlato ci hanno riferito che gli operatori dell’Azienda Servizi di Igiene Ambientale (ASIA) effettuano la raccolta dai cassonetti e dalle campane stradali, tuttavia non intervenendo sul muro di rifiuti.

Il degrado in Via Sedile di Porto rappresenta la difficile situazione dei rifiuti a Napoli, causata anche dall’inciviltà di alcuni residenti o esercizi commerciali, e purtroppo le scene di degrado spesso sono immortalate dai turisti e condivise sui social, contribuendo così in modo negativo all’immagine della città partenopea.

Tullio Nese

Salernitano classe '89, laureando in Studi europei all’Università Federico II di Napoli. Ama leggere, curiosare e impiegare produttivamente il suo tempo libero. Sogna di viaggiare in posti improbabili e avere storie interessanti da raccontare.
Tullio Nese

Leave a comment