Napoli. Via Concezione a Montecalvario ancora bloccata dalle transenne

NAPOLI – In data 21 dicembre 2016 le transenne erette intorno alla Chiesa S. Maria della Concezione a Montecalvario risultano utilizzate abusivamente come luogo di parcheggio di motoveicoli privati. Lo sbarramento in questione è stato allestito il 17 settembre scorso per far fronte all’esigenza di mettere in sicurezza l’aerea, colpita da un cedimento strutturale nella notte tra il 16 e il 17 settembre.

Un boato nella notte, poi il silenzio. Il nubifragio che in quei giorni ha interessato la città di Napoli ha causato numerosi danni, tra cui quello alla chiesa che sorge in Via Concezione a Montecalvario, nella II Municipalità di Napoli. Gli abitanti della zona hanno appreso dell’incidente al mattino, quando si sono ritrovati senza acqua. L’interruzione dell’erogazione idrica è durata fino al pomeriggio del sabato, quando gli operai hanno arginato il danno e ripristinato la fornitura d’acqua al quartiere.

Ma la disavventura purtroppo non si è conclusa lì. L’ingresso della Chiesa S. Maria della Concezione a Montecalvario si trova a ridosso dell’uscita di sicurezza del plesso “Paisiello”, sede dell’Istituto comprensivo D’Aosta – Scura. La scuola è rimasta chiusa per oltre 10 giorni, poiché non era ragionevole lasciare aperta una struttura frequentata da 500 bambini senza che fosse garantita la piena sicurezza degli stessi. In quel periodo si sono susseguiti numerosi appelli alle istituzioni da parte del preside della scuola, Eugenio Tipaldi, che chiedeva una messa in sicurezza tale da consentire il ripristino delle attività scolastiche. Si parlava di un preventivo di due, tremila euro per i lavori che avrebbero garantito un uso sicuro dell’uscita di sicurezza del plesso Paisiello. Infine, almeno la scuola ha ripreso le sue attività.

I lavori tuttavia sono stati completati solo in parte. La chiesa, una struttura cinquecentesca di grande valore storico e artistico, risulta ancora inagibile. Le transenne ne circondano l’ingresso e l’intera zona antistante, fatta eccezione del marciapiede che consente ai pedoni di transitare. Via Concezione a Montecalvario è di fatto una strada interrotta: automobili e ciclomotori non possono attraversare la zona della chiesa. Il disservizio è maggiore se si tiene presente che la viabilità nelle strade dei quartieri spagnoli è già problematica a causa delle vie particolarmente anguste. Oltretutto i quartieri spagnoli sono un importante collegamento tra il Corso Vittorio Emanuele, una delle arterie principali della città di Napoli e Via Toledo, la storica strada dello shopping partenopeo.

Ma c’è di più. Oggi, trascorsi tre mesi dall’incidente, le transenne ostruiscono ancora la strada, recando disagi alle abitazioni e al traffico, e sono utilizzate ormai come punto di stallo di veicoli privati. Non è raro infatti trovare automobili e scooter posteggiati abusivamente lungo i fianchi delle transenne. Un disagio nel disagio, considerando che il quartiere Montecalvario soffre l’atavico problema del parcheggio abusivo che chiude letteralmente le strade. E quando i marciapiedi sono sgombri, ci pensano i paletti abusivi a occupare i ‘posti’ sottratti deliberatamente al transito pedonale.

L’augurio è che la Curia, proprietaria della chiesa inagibile, il Comune e la Municipalità individuino le responsabilità e trovano una soluzione per ultimare rapidamente la ristrutturazione della chiesa e della strada per restituirla ai napoletani.

Noemi Orabona

Laureata in lettere moderne, classe '91. Cresciuta tra i vicoli dei quartieri spagnoli, ama viaggiare, leggere e seguire le sue serie tv preferite. In cerca di storie e personaggi da raccontare, sogna di pubblicare il suo primo romanzo.

Leave a comment