Napoli. Tutto pronto per l’asilo aziendale dell’Ospedale Cardarelli

NAPOLI – All’Azienda Ospedaliera Cardarelli, domenica 4 novembre alle ore 10:30, avrà luogo l’inaugurazione del primo asilo riservato ai figli dei dipendenti della struttura, e lunedì 5 novembre verrà aperto il bando per la richiesta di ammissione dei bambini. La notizia è stata annunciata dal Direttore Generale dell’Ospedale Cardarelli di Napoli, Ciro Verdoliva, che ha predisposto l’apertura di un asilo riservato ai figli dei dipendenti, per garantire loro un miglior equilibrio tra vita lavorativa e vita familiare, agevolando significativamente il rientro al lavoro delle donne dopo il periodo di congedo per maternità. In seguito, potrà assolvere anche alla funzione di baby parking per i genitori che dovranno recarsi a far visita ai degenti nella struttura.

Tale progetto si è potuto concretizzare grazie al supporto economico della Regione Campania, che lo ha finanziamento con 250mila euro, e ai benefattori che hanno aderito alla raccolta fondi e allo spontaneo contributo di imprese e professionisti. Al riguardo, come annunciato nell’intervista rilasciata a Il Mattino in data 2 novembre dal Direttore Ciro Verdoliva, “Il Presidente De Luca ha accolto con grande entusiasmo questo progetto e ci ha spronati con il suo solito piglio e con un cospicuo finanziamento. All’asilo nido ho fortemente creduto, insieme ad Anna Iervolino, Direttore amministrativo; e Franco Paradiso, Direttore sanitario. Ci tenevamo a realizzarlo in tempi rapidissimi per garantire a tutti i cardarelliani un miglior ambiente di lavoro e siamo fieri di aver raggiunto l’obiettivo”.

L’asilo occupa una superficie di 300 metri quadri ed è situato nel padiglione F, al primo piano dell’Ospedale, può ospitare fino a 24 bambini non oltre i 3 anni d’età e sarà gestito da personale qualificato. All’inaugurazione saranno presenti, fra gli altri, il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca; i Principi Carlo e Camilla di Borbone delle Due Sicilie; e il Vescovo ausiliare di Napoli Lucio Lemmo

Leave a comment