Napoli. Referendum: dibattito pubblico allo “Scugnizzo liberato”

NAPOLI – Domani 4 settembre, allo “Scugnizzo liberato” sito in Salita Pontecorvo, si terrà il secondo e ultimo appuntamento del dibattito pubblico sulla proposta di modifica costituzionale. Il dibattito, intitolato all'”Autunno delle città ribelli”, è stato organizzato dai ragazzi di “Massa Critica”, una rete di attivisti che un anno fa ha deciso di costruire una grande agorà popolare dove discutere e decidere sul futuro di Napoli, trasformandosi così in un collettore, uno strumento attraverso cui le nascenti assemblee di cittadini possono servire e condividere competenze e metodi politici. Per comprendere meglio i temi che si affronteranno nel corso dei due giorni di dibattito abbiamo intervistato Bruno Martirani, che si occupa della comunicazione con il pubblico per conto di Massa Critica.

Quale sarà il tema principale attorno al quale verterà il dibattito?

«Durante le due giornate di dibattito si affronteranno numerosi argomenti, tutti legati alle riforme costituzionali, cosi come casa, lavoro, tutele universali, grandi opere, scuola e università. Per quanto anche noi avvertiamo la necessità di modificare una Costituzione che si è dimostrata negli anni inadatta a garantire i principi democratici e le libertà, non crediamo che la strada intrapresa sia quella giusta»

Perchè autunno delle città ribelli?

«Autunno delle città ribelli perchè noi pensiamo che inquesto momento sarà proprio a partire dalle città che ci si dovrà ribellare per riuscire a incidere, a rompere i patti di stabilità, mettendo pressione alle Amministrazioni al fine di ottenere un vero processo democratico, anzi quella democrazia radicale che molti partiti sbandierano, ma che nella realtà dei fatti in pochi si pongono il problema di come debba essere effettivamente sostanziata.»

Quale messaggio trasmettere alla cittadinanza?

«Quello che ci auguriamo è che questo dibattito sia quanto piu produttivo possibile, per creare un nuovo vocabolario della lotta sociale e nuovi termini attraverso cui creare una nuova politica più improntata all’intervento sociale.»

Per quanto riguarda il programma?

«I dibattiti si terrano sabato e domenica a partire dalle ore 10:00 del mattino. Per chi non potesse recarsi presso lo “Scugnizzo liberato” ci sarà la possibilità di seguire gli aggiornamenti tramite la pagina facebook di “Massa Critica”, dove troverete anche il programma per esteso.»

Ricordiamo che il giorno 23 settembre gli attivisti di Massa Critica saranno a Roma per tentare di far annullare il commissariamento assegnato a Salvo Nastasi, voluto fortemente dal governo Renzi per la bonifica del territorio di Bagnoli.

Daniele Amelino

Laurea in scienze politiche. Affascinato da culture straniere, in particolare dall'arte e la cultura asiatica, è convinto sostenitore della globalizzazione culturale. Ha una grande passione per gli animali, nel tempo libero si diletta tra matite, pennelli e musica.
Daniele Amelino

Leave a comment