Napoli. A Montecalvario l’inciviltà non va in vacanza

NAPOLI – Venerdì 28 luglio. Rifiuti di ogni genere, cartacce ed escrementi, si presenta così il marciapiede che costeggia la scuola elementare “Paisiello”, in vico Lungo Montecalvario. Lo stato critico in cui versa quest’area è dovuto allo scarico irregolare di rifiuti, alle pulizie discontinue e al mancato intervento delle autorità competenti. Da mesi infatti, quello che collega via Concezione e Largo Montecalvario, è un marciapiede inutilizzato a causa delle gravi condizioni igieniche in cui è abbandonato. Attraversando la zona, non è raro trovare rifiuti di ogni genere ammucchiati lungo il fianco della scuola elementare “Paisiello”, pochi metri sotto le finestre dell’edificio. Il cattivo odore è forte in qualsiasi momento della giornata, perché l’immondizia, mai prelevata completamente, rilascia liquami e sporcizia. Ad aggravare ulteriormente le condizioni del marciapiede ci sono gli escrementi degli animali, lasciati lì per giorni.

In estate, a causa del caldo, blatte, api e mosche, attirate da scorie maleodoranti, infestano la zona. Ma negli altri periodi dell’anno la situazione non è migliore: il primo tratto di vico Lungo Montecalvario è sempre impraticabile e il disagio colpisce famiglie e bambini che devono raggiungere Largo Montecalvario per andare e tornare da scuola. Durante i mesi invernali infatti l’edificio scolastico è costretto a svolgere le sue attività tra il cattivo odore dei rifiuti e la scarsa sicurezza per l’arrivo e il ritorno a casa dei bambini.

Il servizio per la raccolta dei rifiuti, già intermittente sul territorio dei quartieri spagnoli, non riesce a far fronte al problema. Ogni giorno i sacchi lasciati lungo il marciapiede contengono spazzatura non differenziata, residui organici o scarti di lavorazione edile. Spesso si trovano elettrodomestici abbandonati, mobili vecchi e materiale da imballaggio. Ognuno di questi rifiuti necessita di un servizio di smaltimento particolare, non basta un camion compattatore serale per ripristinare la pulizia del marciapiede. Per i pezzi ingombranti a esempio, l’ASIA effettua un servizio di ritiro porta a porta su richiesta, invece tutti gli oggetti sono depositati in maniera irregolare, spesso abbandonati alle intemperie, nelle immediate vicinanze delle abitazioni.

Il marciapiede di vico Lungo Montecalvario è l’emblema del disagio che colpisce il territorio quando il mancato senso civico di alcuni residenti e l’indifferenza delle autorità negano l’igiene e la sicurezza ai cittadini di Napoli.

Noemi Orabona

Laureata in lettere moderne, classe '91. Cresciuta tra i vicoli dei quartieri spagnoli, ama viaggiare, leggere e seguire le sue serie tv preferite. In cerca di storie e personaggi da raccontare, sogna di pubblicare il suo primo romanzo.

Leave a comment