Libri. Straordinaria affluenza per il Salone internazionale del libro di Torino

TORINO – Giovedì 10 maggio a Torino è stata inaugurata la nuova edizione del Salone internazionale del libro, appuntamento annuale con il mondo dell’editoria, quest’anno dedicato al tema del “Futuro”. Da trentuno anni il Salone internazionale del libro di Torino è il biglietto da visita dell’editoria Italiana: per cinque giorni migliaia di scrittori, editori, lettori, artisti e appassionati si riuniscono per celebrare importanti progetti culturali.

Chiunque si rechi al Salone del libro ha la fortuna di visitare la più grande libreria italiana al mondo. Ad arricchire questa esperienza, una serie di incontri con autori e operatori di prestigio, volti non solo alla promozione letteraria, bensì ad affrontare temi di attualità analizzati da un punto di vista culturale e sociale.

All’inaugurazione di giovedì 10 maggio è stato presentato dal presidente Massimo Bray e dal direttore Nicola Lagioia il tema scelto per questa edizione, il Futuro: “Un giorno, tutto questo, che cosa ne sarà. Un giorno, tutto questo, sarà bellissimo. Oppure: Un giorno, tutto questo, sarà in pericolo, o sarà perduto. Un giorno, tutto questo, sarà il migliore dei mondi possibili. Oppure: Un giorno, tutto questo, sarà sotto minaccia, e dovremo difenderlo. Un giorno, tutto questo, sarà il posto in cui noi o i nostri figli saremo felici di poter vivere.”.

Il Salone internazionale del libro 2018 ha stabilito anche il record di accessi. L’affluenza della giornata di sabato 12 maggio 2018 è stata tale da dover costringere la sicurezza a chiudere l’accesso per un paio di ore. Ciò rappresenta un segno positivo per la cultura italiana, ultimamente sempre più trascurata dalle masse. La folla è stata attratta da un programma ricco: incontro con il poeta e intellettuale Eduard Limonov; con il regista Bernardo Bertolucci; dibattito con lo scrittore Roberto Saviano; incontro con l’economista francese Jacques Attali, che ha parlato del futuro con il direttore di Repubblica, Mario Calabresi; e ancora le letture di Harry Potter a cura di Francesco Pannofino.

Il Salone è un progetto della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, realizzato per l’edizione 2018 dalla Fondazione Circolo dei lettori e dalla Fondazione per la Cultura di Torino. Il coordinamento generale è stato affidato alla Cabina di Regia presieduta da Massimo Bray. Direttore Editoriale dal 1998 al 2016 è stato Ernesto Ferrero, mentre dal 14 ottobre 2016 è Nicola Lagioia. Dai 100.000 passaggi dichiarati e 553 espositori della prima edizione nel 1988, il Salone è cresciuto fino ai 143.815 visitatori e i 1.200 espositori del 2017.

L’edizione 2018 del Salone si svolgerà fino al 14 maggio.

Melissa Mercuri

Melissa Mercuri

Nata a Varese nel '91, è laureata in Relazioni internazionali e studia inglese, russo e tedesco. Ha partecipato a concorsi nazionali di scrittura e ama scrivere.
Melissa Mercuri

Leave a comment