Ercolano. Al MAV in ricordo dell’Avv. Marotta

ERCOLANO – Mercoledi 26 aprile, a partire dalle ore 10:00, la sede del MAV, il Museo Archeologico Virtuale di Ercolano sito in Via IV Novembre 44, ospiterà l’evento intitolato “Per Gerardo Marotta: L’azione rivoluzionaria per il riscatto culturale e sociale del mezzogiorno”: un incontro dedicato alla memoria dell’avvocato e filosofo italiano, fondatore dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, venuto a mancare lo scorso 25 gennaio.

L’evento è stato organizzato su richiesta del suddetto istituto, che ha chiesto la collaborazione di varie scuole di Alta Formazione, fortemente volute da Marotta, per ricordare l’avvocato nel giorno del suo compleanno. Nella città di Ercolano l’appello è stato raccolto dalla scuola di Alta Formazione “Gaetano Filangieri”, in collaborazione con il MAV, il Comune di Ercolano, l’Istituto d’Istruzione Superiore “Adriano Tilgher” e Radio Siani. Al riguardo abbiamo rivolto le nostre domande a Raffaele Aratro, direttore scientifico della scuola di Alta Formazione “G.Filangieri”.

Come si articolerà l’incontro di mercoledì?

«Come riportato sul manifesto, il convegno si aprirà con i saluti di Ciro Cacciola, il Direttore del MAV; Ciro Buonajuto, Sindaco di Ercolano; e Giuseppe Montella, dirigente scolastico IIS “Adriano Tilgher”. Il primo intervento sarà invece tenuto da Guido d’Agostino, Presidente dell’Istituto Campano per la Storia della Resistenza, in seguito prenderò io la parola.»

Le tematiche proposte?

«Per rendere onore alla memoria di Gerardo Marotta abbiamo scelto di ricordarlo mettendo in risalto l’azione svolta dall’ I.I.S.F. nel Sud Italia, dando avvio a un nuovo meridionalismo che vede nella cultura la vera possibilità di riscatto e di sviluppo. Con questa giornata l’I.I.S.F. intende onorare l’opera e l’azione rivoluzionaria e ‘folle’ del suo fondatore, che con passione e generosità ha reso possibile a molti giovani di entrare in rapporto con una conoscenza altrimenti impossibile.»

Quali obiettivi l’Istituto intende raggiungere nel Sud Italia?

«Formare una nuova classe dirigente che fondi nella cultura e nella conoscenza la possibilità di riscatto, una sorta di manifesto culturale che vede nelle scuole di Alta Formazione, presenti in moltissimi comuni, il momento più significativo di un processo di rinascita. Grazie agli incontri e ai seminari organizzati in queste scuole, molti giovani hanno avuto e hanno tutt’ora, grazie sopratutto all’opera lungimirante ed eroica dell’Avvocato Marotta, la possibilità di incontrare importanti personalità del panorama culturale e scientifico d’Europa e non solo.»

Daniele Amelino

Laurea in scienze politiche. Affascinato da culture straniere, in particolare dall'arte e la cultura asiatica, è convinto sostenitore della globalizzazione culturale. Ha una grande passione per gli animali, nel tempo libero si diletta tra matite, pennelli e musica.
Daniele Amelino

Leave a comment