Arte. “Passaggi”al PAN

NAPOLI – Venerdì 8 dicembre alle ore 16:30 sarà inaugurata al PAN, il Palazzo delle Arti di Napoli, la mostra d’arte “Passaggi” di Paolo La Motta, a cura di Zaira Orlando. L’esposizione durerà fino a lunedì 8 gennaio 2018 con ingresso gratuito.  L’evento è stato realizzato in collaborazione col Comune di Napoli e l’Assessorato alla cultura e al turismo, e presenta in anteprima alcune opere, a partire dal 2 dicembre, grazie all’associazione “Respiriamo arte”, che ha reso possibile l’esposizione in anteprima presso il complesso dei Santi Filippo e Giacomo, o chiesa dell’Arte della Seta, in via San Biagio dei Librai. Al riguardo abbiamo incontrato e intervistato Zaira Orlando, curatrice dell’evento.

Ci parla della mostra?
«La mostra “Passaggi” di Paolo La Motta è un percorso che l’artista ha realizzato nell’arco di quest’anno. Le opere, 20 dipinti circa e 6 sculture in terracotta, mostrano una chiara evoluzione del suo linguaggio artistico non più basato su scatti fotografici, ma su elementi più distaccati. Questa evoluzione è espressa già nella scelta del nome di questo evento: “Passaggi” indica la costante relazione tra il pieno e il vuoto, tra il bidimensionale e il tridimensionale, e dal gioco prospettico, arteficio puro dell’arte in quanto tale. Sculture e dipinti interagiscono tra loro, come se la figura espressa nella scultura facesse parte del paesaggio retrostante descritto nel dipinto.»
Conferma il mito dell’artista tormentato?
«L’artista, conoscitore e cultore dell’Arte antica e contemporanea, si dimostra ben attento alle reali capacità che il linguaggio artistico ha. Produrre un’opera non è un pretesto per allontanarsi dalla realtà, ma neanche un motivo per imitarla. La sua arte è arte.»
Serena Costantino

Serena Costantino

Napoletana classe '83, psicologa e teatroterapeuta di orientamento buddista, ha fatto di una malattia il suo punto di forza, dell'arte il suo mezzo di espressione. La sua missione nella vita è aiutare le persone a essere felici.
Serena Costantino

Latest posts by Serena Costantino (see all)

Leave a comment